Viso
Permalip
Il Permalip è fra i metodi più innovativi e sicuri per aumentare il volume delle labbra sottili. Si tratta di una protesi di silicone solido ma morbido. Tale caratteristica gli permette di evitare fuoriuscite di liquidi e rende Permalip uno dei metodi con meno rischi fra i tipi d’interventi esistenti. L’inserimento di questa protesi nel labbro inferiore e superiore (o in uno solo dei due) permette un risultato permanente e naturale.
Le varie fasi
Prima dell’intervento
Durante la visita preliminare il chirurgo deciderà, insieme al paziente, la lunghezza e il volume più adatti alle labbra e in armonia con il viso.
Esistono, infatti, diverse misure della protesi Permalip che permettono di evitare spiacevoli sorprese dopo l’intervento, come le cosiddette “labbra a canotto”. Si ha dunque già una prima anticipazione del risultato finale dell’operazione.
  • Il trattamento
    L’intervento si esegue in anestesia locale, dunque è indolore, e ha una durata di circa dieci minuti per ogni labbro. Dopodiché non è necessario il ricovero e il paziente può ritornare a casa. L’unico fastidio che si può riscontrare in fase post-operatoria sono delle piccole ecchimosi o edemi nella zona trattata che scompariranno nel giro di pochi giorni, rendendo visibili i risultati.
    Verranno eseguite due piccole incisioni al lato di ogni labbro per creare una sorta di “tasca” dove verrà inserita la protesi. Il silicone verrà introdotto con una forbice curva e posizionato adeguatamente all’interno del labbro. Infine le due piccole incisioni verranno chiuse e saranno totalmente invisibili.
  • Controindicazioni
    I rischi legati all’introduzione delle protesi all’interno delle labbra sono pressoché nulli perché il silicone è solido e quindi, rispetto ad altre sostanze liquide o sotto forma di gel, non può rompersi né fuoriuscire e provocare danni.
    Chiunque può sottoporsi a quest’intervento, in quanto non esistono controindicazioni all’inserimento delle protesi.
    Dovrebbero astenersi, però, tutti quei pazienti che hanno patologie cardiache o malattie gravi.
    L’intervento è da poco diffuso in Italia e molti sono ancora restii ad adottare questo procedimento per varie ragioni:
    1) Trattandosi di protesi esiste sempre il rischio di incapsulamento.
    2) Se il risultato non è gradito si devono estrarre nuovamente le protesi con un altro intervento.
    3) Molti difendono i risultati più naturali di lipofilling e di iniezioni di acido ialuronico.